E liberami dalla gente. Amen.

8,00

A. G. detesta la gente per svariate ragioni. In questa raccolta di racconti si imbatte in alcune situazioni che portano la sua antipatia all’esasperazione, dal viaggio in autobus all’imbarazzo in ascensore, dall’incontro di un adorabile bambino un po’ vivace all’attesa di qualcuno non troppo puntuale. Situazioni a cui, per sopravvivere, è bene affidarsi ciecamente alla propria misantropia. Non tutti riescono però a farlo con il cinismo di A.G., che ha il coraggio di comportarsi come tutti vorrebbero ma non possono fare.

Esaurito